Assemblea dei garanti/ Ecco il report della prima giornata dei lavori

La   prima   giornata   dell’Assemblea   annuale   dei   Garanti   territoriali   delle  persone private della libertà, che si è svolta al centro direzionale di Napoli il 9 e 10 ottobre, si è aperta con i saluti del garante Samuele Ciambriello che, in qualità di padrone di casa, ha  illustrato  brevemente  la  situazione  del  sistema  penitenziario   campano. Una regione, la Campania, come ha sottolineato Ciambriello, che è terra di contrasti e che mette insieme scenari estremamente critici ed esperienze di eccellenza e innovazione.   Riguardo ai primi, il garante campano fa menzione dei problemi di sovraffollamento che continuano ad essere un triste primato a livello nazionale, all’aumento dei suicidi, al progetto incompiuto del carcere di Nola. Una struttura, quest’ultima che, se realizzata, avrebbe dovuto rispondere alle esigenze di gestione penitenziaria più avanzata e di grande innovazione. “O non ci sono fondi – lamenta Ciambriello – o se ci sono non vengono utilizzati”, come i 12 milioni di euro destinati da tempo alla ristrutturazione dei padiglioni fatiscenti del carcere di Poggioreale e lasciati colpevolmente nel dimenticatoio.   Ciambriello ha però anche sottolineato   la   valenza   positiva   dell’istituzione   del   polo   universitario   al   centro penitenziario “Pasquale Mandato” di Secondigliano e della sua crescita.
 
Stefano Anastasia, garante delle regioni Lazio e Umbria, e portavoce della Conferenza nazionale dei garanti territoriali, nella sua relazione introduttiva ha sostenuto che quello che stiamo vivendo è  il  momento  più   difficile   della   pandemia.   Una   difficoltà  dovuta alla convivenza col problema e con gli altri; e questo è doppiamente vero per i detenuti. Per Anastasìa  l’aumento,   anche   se   leggero   della   popolazione   carceraria,  desta preoccupazioni e impone di tenere alta la guardia ma di evitare al tempo stesso l’isolamento nell’isolamento. “Bisogna dare fiducia ai detenuti per ricevere fiducia”  ha aggiunto Anastasia che ha fatto riferimento a errori compiuti di recente nella gestione delle carceri, come quello dell’interruzione dei colloqui con i familiari dei ristretti   lo   scorso   marzo.  Anastasìa  ha   riconosciuto   la   capacità   del   sistema   di contenere il contagio grazie a interventi che però non devono essere posti in atto solo nei momenti di crisi. Nel suo intervento, Anastasia ha anche denunciato la mancanza di infrastrutture adeguate e i ritardi esistenti nel settore che, ha precisato, è entrato nel XXI secolo con il ricorso alle moderne tecnologie di comunicazione a distanza grazie al Covid-19. 
 
Il messaggio del ministro Bonafede e l'intervento del sottosegretario Giorgis
 
In   apertura   dei   lavori   è   stato   anche   letto   il   saluto   del   ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, all’assemblea. Bonafede ha fatto presente l’impegno del ministero da lui presieduto per migliorare la situazione in cui si trova il settore e auspicato a questo scopo un sempre più saldo rapporto di collaborazione fra i soggetti attivi in questo campo. Il sottosegretario di Stato alla Giustizia Andrea Giorgis ha affermato in collegamento che   il   governo   ha   disposto   l’attivazione   di  investimenti  significativi   per   attuare l’imperativo costituzionale  della funzione rieducativa della pena e per il reinserimento sociale dei detenuti.
 
Il ministro Bonafede ha rimarcato che "affrontare efficacemente le criticità del sistema carcerario e mettere in campo le soluzioni migliori per porre rimedio a esse richiede la necessità del coinvolgimento di tutti i soggetti che interagiscono a vario titolo in questa realtà così complessa, dal Corpo della Polizia Penitenziaria ai detenuti". Il sottosegretario alla Giustizia, Andrea Giorgis ha partecipato ai lavori della conferenza. "Un carcere che riesce a offrire ai detenuti un efficace percorso rieducativo ed emancipante – ha dichiarato Giorgis – è un carcere che tutela la sicurezza dell'intera collettività, perché quando c'è recupero e reinserimento i tassi di recidiva scendono in maniera significativa, a vantaggio quindi dei detenuti e della sicurezza di tutti i cittadini".

"Il governo – ha proseguito Giorgis – ha predisposto un programma di investimenti che, per quanto riguarda in particolare il settore dell'esecuzione penale, sono volti, oltre che all'assunzione di personale e alla formazione, alla costruzione di nuove strutture e alla ristrutturazione di quelle esistenti con criteri e progetti innovativi in modo da creare spazi e condizioni materiali per rendere più efficace la funzione rieducativa della pena e migliorare le condizioni di lavoro della polizia penitenziaria e di tutti coloro che operano all'interno del carcere".

Giorgis ha poi ricordatto che parte degli investimenti sarà inoltre destinata ad affrontare il problema dei detenuti con disturbi psichiatrici e, più in generale, in coordinamento con il ministero della Salute, a incrementare e modernizzare i servizi sanitari e le Rems.

Per Antonio Fullone, provveditore dell’amministrazione penitenziaria della Regione Campania, quella dei garanti è una presenza che contribuisce allo sviluppo della coscienza critica e offre occasioni di crescita civile. Per   David   Porrello,   della   Conferenza   dei   presidenti   delle   assemblee   legislative regionali e delle province autonome, è necessario un cambiamento di mentalità a livello di opinione pubblica, sulla questione carceraria. Necessario a suo avviso un maggiore impegno delle istituzioni a far conoscere meglio il lavoro dei garanti contribuendo in questo modo a un processo di presa di coscienza da parte della società civile. 
 
Monica Buonanno, Assessore alle Politiche sociali e Lavoro del Comune di Napoli, ha sottolineato l’importanza della scelta fatta dalla giunta cui appartiene nel nominare un garante cittadino, figura di carattere strategico per una città complessa come Napoli e di appoggio a quella del garante regionale. L’Assessore ha anche posto l’accento sull’importanza delle attività di formazione in carcere e ricordato che le migliori politiche sociali sono quelle del lavoro. Per Gemma Tuccillo, Capo Dipartimento Giustizia minorile e di comunità, quello del garante è un ruolo di osservatore privilegiato della realtà carceraria a maggior ragione nelle strutture che ospitano minori e che l’attività del garante è uno stimolo per tutti i soggetti attivi nell’universo carcerario. 
 
Dopo la pausa pranzo i lavori sono ripresi con la proiezione del cortometraggio  “Into your eyes”, realizzato da 15 ragazzi “a rischio” nell’ambito di un progetto di recupero finanziato   dalla   Regione   Campania   e   dal   Garante   dei   detenuti   della   regione Campania.  Michele Marone, della Conferenza delle regioni e delle province autonome ha sottolineato l’importanza dell’impegno volto alla risocializzazione del reo e posto l’accento sul ruolo fondamentale svolto dai garanti in tale contesto. Dopo la pausa pranzo è intervenuto anche Bernardo Petralia, Capo Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria.