CONVIVENZA e LIBERTA' - Dal 6 novembre ciclo d'incontri organizzati dal Garante

Il Garante delle persone private della libertà tutela tutti coloro che siano sottoposti a misure restrittive della libertà, sia per motivi di giustizia e di sicurezza che per motivi di salute o meramente amministrativi. La privazione della libertà è di per sé una condizione di rischio per l’integrità dei diritti fondamentali della persona. Per questo vi si dovrebbe ricorrere il meno possibile, ma perché ciò sia è necessario promuovere forme di convivenza alimentate dalla fiducia nell’altro, sia esso il condannato che stia espiando una pena, il migrante approdato nel nostro Paese alla ricerca di migliori condizioni di vita o una persona sofferente di mente.

 

A partire dalle condizioni di privazione della libertà e dai rischi che vi sono connesse, questo ciclo di incontri vuole quindi costituire un’occasione di riflessione a più voci sulle alternative possibili alla privazione della libertà.

 

 

Convivenza e libertà

 

Ciclo di incontri promossi dal

Garante delle persone private della libertà della Regione Lazio

 

Martedì 6 novembre, ore 17,30

Libertà e salute mentale

Partecipano

Massimo Cozza, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale della Asl Roma 2

Daniela De Robert, Autorità Garante nazionale delle persone private della libertà

Grazia Zuffa, componente del Comitato nazionale di bioetica

 

Mercoledì 28 novembre, ore 17,30

Migrazioni e ospitalità

Partecipano

Benoni Ambarus, Direttore della Caritas diocesana romana

Donatella Di Cesare, Professoressa di filosofia teoretica presso la Sapienza, Università di Roma

Luigi Manconi, Direttore dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali

 

Martedì 11 dicembre, ore 17,30

Quali alternative al carcere?

Partecipano

Lucia Castellano, Direttrice generale dell’esecuzione penale esterna e della messa alla prova

Gherardo Colombo, Presidente della Cassa delle ammende

Maria Antonietta Vertaldi, Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma

Tutti gli incontri saranno introdotti e coordinati da

Stefano Anastasìa, Garante delle persone private della libertà per la Regione Lazio.

 

Tutti gli incontri si svolgeranno presso la Sala Conferenze di Moby Dick,

in via Edgardo Ferrati 3, Roma (Metro B, Garbatella).