19 ottobre “Lo sport entra nella Carceri” a Velletri con CONI, Regione e Gruppo Idee

Nell’ambito del progetto “Coni e Regione, compagni di sport”, promosso da Coni Lazio e Regione Lazio e realizzato in collaborazione con le amministrazioni cittadine, le federazioni, gli enti di promozione e le società sportive del territorio, sabato 19 ottobre nella casa circondariale di Velletri si svolgerà “Sport senza Confini”, una giornata di socialità per i detenuti.

“Sport senza Confini” è un progetto del Coni Lazio volto al sociale e alle minoranze. I detenuti coinvolti, infatti, sono gli stessi che partecipano al progetto “Lo Sport entra nelle Carceri” che vede il Garante dei detenuti del Lazio coinvolto nella programmazione delle attività nelle carceri e per la prima volta quest’anno anche nelle REMS e al Cpr di Ponte Galeria.

Per il secondo anno consecutivo è stato attivato “Lo Sport entra nelle Carceri” nell’istituto penitenziario di Velletri con due corsi di attività in palestra e uno di calcio dove i detenuti vengono seguiti da gruppo di tecnici qualificati laureati in Scienze Motorie e Sportive.

La giornata comincierà alle 11 con una sfida calcistica contro le barriere dell`isolamento che vedrà coinvolti i detenuti e una rappresentativa di personaggi dello spettacolo del Gruppo Idee. Il match rientra anche in una più ampia iniziativa del Gruppo Idee denominata “Love Cup”, un format di calcio-spettacolo ma anche un contenitore di attività artistiche, sportive e di intrattenimento. Al termine della partita, poi, ci saranno uno spettacolo di cabaret, un terzo tempo in stile rugbistico e la premiazione.  

8 ottobre - La cultura rende liberi? Incontro presso il Teatro di Rebibbia nuovo complesso

Incontro

La Cultura rende liberi?

Martedì 8 ottobre, ore 15, Teatro Casa circondariale Rebibbia nuovo complesso

Saluti

Rosella Santoro, direttrice C.C. Rebibbia nuovo complesso

Coordina

Marta Rizzo, Associazione Fuori le Ali

Introduce

Giada Ceri, autrice di “La giusta quantità di dolore” Exorma Edizioni

Interventi di

Edoardo Albinati, scrittore

Stefano Anastasìa, Garante diritti detenuti del Lazio

Carmelo Cantone, Provveditore amministrazione penitenziaria Lazio Abruzzo Molise

Marco Patarnello, Magistrato Tribunale di sorveglianza di Roma

Con la partecipazione di

detenuti e operatori attivi in laboratori culturali presso la C.c. Rebibbia nuovo complesso

 

Teatro di Rebibbia, via Raffaele Majetti 70, Roma

                                                                                                         

4 e 5 ottobre Diritti e inclusione sociale per il carcere e le persone private della libertà, Assemblea nazionale della Conferenza dei Garanti territoriali

Assemblea nazionale

Diritti e inclusione sociale per il carcere e le persone private della libertà

Milano, 4 e 5 ottobre 2019

Programma dei lavori

 

Venerdì 4 ottobre, ore 11-13, Regione Lombardia, Sessione di apertura

Presiede Carlo Lio, Difensore civico della Regione Lombardia

Saluti istituzionali:

Francesco Basentini, Capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria

Giovanna Di Rosa, Presidente del Tribunale di sorveglianza di Milano

Alessandro Fermi, Presidente del Consiglio regionale della Lombardia

Monica Lazzaroni, Presidente del Tribunale di sorveglianza di Brescia

Relazione di Stefano Anastasìa, Portavoce della Conferenza

Intervento di Mauro Palma, Garante nazionale delle persone private della libertà

 

Venerdì 4 ottobre, ore 15-19, workshop paralleli di approfondimento e scambio di esperienze

Condizioni di vita e regimi detentivi

Coordinano B. Mellano (Garante Piemonte) e S. Ciuffoletti (Garante San Gimignano)

Formazione professionale e lavoro in carcere e fuori

Coordinano M. Marighelli (Garante Emilia-Romagna) ed E. Cruccolini (Garante Firenze)

Istruzione scolastica e universitaria. Coordina A. Menghini (Garante Prov. Aut. Trento)

Assistenza sanitaria e sociale. Coordinano S. Ciambriello (Garante Campania) e M. Gallo (Garante Torino)

Salute mentale in carcere, Rems e Spdc

Coordinano F. Corleone (Garante Toscana) e S. Steffenoni (Garante Venezia)

Stranieri in carcere e nei Centri dedicati

Coordinano P. Rossi (Garante Puglia) e L. Ravagnani (Garante Brescia)

 

Sabato 5 ottobre, ore 9-13, Casa della cultura, Plenaria di chiusura

Presiede Franco Maisto, Garante del Comune di Milano

Saluti di

Pietro Buffa, Provveditore dell’Amministrazione penitenziaria della Lombardia

Gabriele Rabaiotti, Assessore ai servizi sociali del Comune di Milano

Relazione dei coordinatori dei workshop

Interventi programmati:

Camera Penale di Milano Gian Domenico Pisapia

Ornella Favero, Presidente della Conferenza Nazionale del Volontariato della Giustizia

Antonietta Fiorillo, Presidente del Coordinamento Nazionale dei Magistrati di sorveglianza

Michele Miravalle, Coordinatore Nazionale dell’Osservatorio di Antigone

Dibattito

Conclusione dei lavori

 

§ § §

 

Hanno assicurato la loro partecipazione ai lavori dell’Assemblea:

 

Denise Amerini, Cgil Nazionale, Area Welfare, Responsabile Carceri

 

Camera Penale di Milano Gian Domenico Pisapia

 

Ornella Favero, Presidente della Conferenza Nazionale del Volontariato della Giustizia

 

Antonietta Fiorillo, Presidente del Coordinamento Nazionale dei Magistrati di sorveglianza

 

Luciano Lucanìa, Presidente della Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria

 

Adalgisa Maurizio, Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti CPIA 3 del Lazio

 

Giovanni Mercurio, Rete Nazionale delle Scuole Ristrette

 

Michele Miravalle, Coordinatore Nazionale dell’Osservatorio di Antigone

 

Franco Prina, Presidente della Conferenza Nazionale Delegati Poli Universitari Penitenziari presso la CRUI

27 settembre presentazione del libro di Paolo Brogi "Pinelli, l’innocente che cadde giù"

Venerdì 27 settembre ore 18, presentazione del libro di Paolo Brogi Pinelli, l’innocente che cadde giù, presso Moby Dick Biblioteca Hub culturale, via Edgardo Ferrati 3°, Roma. Partecipano Amedeo Ciaccheri, Giorgio Benvenuto, Claudia Pinelli, Vittorio Emiliani, Stefano Anastasìa, Andrea Purgatori e Simona Maggiorelli. La recensione del Garante per il manifesto.

 

19 giugno con Antonio Rezza asta affinchè "Nessun bambino varchi più la soglia di un carcere"

L'Associazione "A Roma, Insieme - Leda Colombini" organizza, mercoledi 19/06 alle ore 21,30, una serata con un banditore di eccezione: Antonio Rezza.

Un'asta di solidarietà  dove il divertimento è assicurato!

La serata è ad entrata libera con libera sottoscrizione per contribuire alle attività di "A Roma, Insieme" affinchè "Nessun bambino varchi più la soglia di un carcere"

La serata si svolgerà presso l'Agricoltura Sociale Capodarco in via Tenuta della Mistica. Di seguito le indicazioni:

La strada per Via Tenuta della Mistica:

Se arrivi dal centro (dopo aver preso la Via Casilina o la Via Prenestina) devi obbligatoriamente girare a Via di Tor Tre Teste; qui devi raggiungere una rotatoria (sarà circa 1 km e mezzo dalla Casilina e 500 metri dalla Prenestina) dove trovi le indicazioni per Via Longoni e Via Tenuta della Mistica.

Esci alla prima a destra (c’è scritto Mistica) fai 300 metri e sei arrivato.

Se arrivi dal GRA devi uscire sulla Prenestina Direzione Centro, dopo circa 1 km arriva alla grande rotonda dove trovi in ordine Via Longoni, poi Via Prenestina e poi un’altra via: la imbocchi fino ad arrivare ad un’altra rotonda (più piccola): qui, come per tornare indietro, trovi le indicazioni per Via Longoni e Via Tenuta della Mistica. Esci alla prima a destra fai 300 metri e sei arrivato.

 

Giugno e luglio all'Osteria degli Uccelli in gabbia

Un avvenimento enogastronomico al «fresco»! Nei mesi di giugno e luglio, tutti i venerdì, apre l’osteria degli «Uccelli in Gabbia»!

 

Un’osteria che proporrà, a menù fisso, piatti di cucina romana e non solo, realizzati con prodotti prevalentemente del circuito penitenziario. I cuochi e il personale di sala dell'osteria, sono persone detenute formate nel settore enogastronomico.

L’osteria degli Uccelli in gabbia è all’aperto, nell’area verde all’interno della Casa Circondariale di Rebibbia «Raffaele Cinotti», in via Raffaele Majetti 70, Roma.

 

L’iniziativa è realizzata, in accordo con la Direzione di Rebibbia Nuovo Complesso, da Men at Work Onlus cooperativa sociale.

 

E’ richiesta la prenotazione almeno tre giorni prima.

Per info e prenotazioni: 3492201860 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Locandina

Teatro in carcere: 6 giugno C. C. Femminile di Rebibbia Pinocchio - 7 giugno C. C. di Cassino Alice nel paese delle meraviglie?

Nell'ambito del progetto teatrale Fiabe in carcere - Alice e Pinocchio Liberanti vincitore del Bando Officine di Teatro Sociale - Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, l’associazione MAST – Officina delle Arti presenta due importanti appuntamenti: il 6 giugno PINOCCHIO tratto da Le Avventure di Pinocchio di Collodi, per la regia di Francesca Rotolo presso il teatro della Casa Circondariale Femminile di Rebibbia, vede protagoniste le detenute del laboratorio teatrale della C.C. di Rebibbia Femminile: Annamaria, Claudia, Cristina, Georgeta, Marilù, Vanessa.
Chi è Pinocchio? Un burattino che poi è una marionetta, un bambino, un ragazzo, ma anche una bambina. Pinocchio non ha sesso, Pinocchio lo siamo tutti. Pinocchio è la libertà, è la volontà, il desiderio, l’ingenuità, la prigione, la costrizione, l’errore, la caduta e la risalita. Pinocchio è imprigionato nel suo corpo di legno e desidera la libertà di un “bambino vero”. Si fida delle cattive compagnie e ci rimane fregato. Vive l’ingiustizia del carcere: per aver denunciato il furto delle monete d’oro finisce in prigione nel paese degli Acchiappacitrulli. Ma Pinocchio va avanti, sempre. Le esperienze negative lo fortificano, lo fanno diventare diligente e responsabile. Ha modo di pensare ai propri errori, promette a sé stesso di non sbagliare più ma poi ci ricasca e ci ricasca fino a quando tocca il fondo e lo tocca nel vero senso della parola perché da asino zoppo viene gettato in mare. Solo in quel momento, quando ormai ha perso tutto e ha perso anche se stesso, capisce i valori e la bellezza della vita. Solo in quel momento, nel ventre del pescecane, quando sembra non esserci più via d’uscita, ritrova suo padre e potrà diventare un bambino vero. Ecco, tutte queste risposte hanno risuonato nelle vite delle nostre attrici-detenute e Pinocchio e ogni personaggio delle Avventure ha trovato spazio nei loro corpi e nelle loro voci.
Pinocchio: io vorrei fare un solo mestiere! Quello di mangiare, dormire e fare dalla mattina alla sera la vita del vagabondo
Grillo: oh caro Pinocchio, tutti quelli che fanno questo mestiere finiscono quasi sempre o all’ospedale o in prigione
Nella nostra rivisitazione il testo collodiano svela significati nuovi e al tempo stesso offre la possibilità alle attrici in scena e al pubblico che parteciperà alla nostra performance finale di scoprire un nuovo Pinocchio e soprattutto qualcosa di nuovo di se stessi. Pinocchio vive in una dimensione particolare, una cultura antica e nomade così come antica e nomade è la cultura a cui appartengono alcune delle nostre attrici.
La costruzione registica: dall’ideazione scenica, ai costumi, dall’uso di diverse culture musicali e danze all’interpretazione attoriale, tendono a raccontarci un Pinocchio che si allontana dalla sua origine toscana. La musica e il teatro interagiscono compenetrandosi e valorizzandosi reciprocamente.
“Credo nel potere educativo delle fiabe – scrive la regista Francesca Rotolo - con le loro parole semplici costruiscono nuovi immaginari. Nuove parole creano nuovi pensieri e quindi nuove identità. Giocare con le fiabe ci permette di ritornare a giocare con la nostra parte bambina, di prenderci meno sul serio, di ironizzare su noi stessi, la fiaba “smonta” l’adulto che abbiamo creato pieno di schemi e sovrastrutture e ci ricorda di essere semplici. Perché portare in scena una fiaba? Perché il 99% delle detenute sono madri e questo può essere un modo nuovo per condividere con i propri figli la gioia e il divertimento del teatro”.

Il 7 giugno ALICE Nel paese delle meraviglie? scritto da Laura Jacobbi per la regia di Paola Iacobone presso la Casa Circondariale di Cassino. ALICE nel paese delle meraviglie? di Laura Jacobbi e per la regia di Paola Iacobone vede protagonisti i detenuti del laboratorio teatrale della C.C. di Cassino: Sandro Antonuccio, Salvatore Carmicino, Mario Cimmino, Pasquale Cifonelli, Antonio Donniacuo, Cristian Fraioli, Antonio Galimo, Christian Giardini, Mimmo Greco, Ballantine Halilovic, Antonio Macrì, Salvatore Mottola, Alan Molto Pavone, Gerardo Romano, Roberto Sacchetti e la partecipazione di Elisabetta Magnani. La nostra Alice è frutto di un laboratorio sul tempo e lo spazio, sui mondi che ci portiamo dentro in ogni luogo. Il nostro viaggio è partito da Caroll e dalle sue parole: con Angel, un giovanissimo detenuto, nei panni di Alice e Silvio, la voce dei nostri ultimi spettacoli, in quelli del Bianconiglio. Trasferimenti, uscite e terremoti vari hanno però sconvolto il nostro gruppo per ritrovarci a marzo con attori tutti nuovi. A tenere le fila il nostro narratore Pasquale, ormai attore navigato da 5 anni di spettacoli insieme, ma anche Elisabetta, quella assistente che piano piano si è trasformata in Alice, la nostra Alice. Abbiamo così ripreso l'adattamento della Jacobbi, giocato con animali parlanti, cantato, riso e sudato. Abbiamo trovato il nostro paese delle meraviglie in quella saletta al primo piano tra detenuti che ci offrono un caffè ed altri che ci osservano divertiti. Saremo in scena a pezzi, con frammenti di quello che è stato il nostro viaggio, per dare la possibilità anche al pubblico (di famigliari, detenuti, agenti, studenti) di "poter credere ancora che tutto è possibile, immaginare di saltare su una mattonella al centro della stanza e ritrovarsi nel cuore della terra. Spaventarsi per un’ombra disegnata sul muro e ridere quando cade la neve… Perché sarebbe bello essere così adulti ed eternamente bambini, capaci di giocare, emozionarsi, sovvertire gli schemi, perché non c’è nessuno schema, solo lo stupore e la curiosità".
Fiabe in Carcere—Alice e Pinocchio Liberanti si presenta come il naturale sviluppo di Liber Liberanti progetto vincitore del Bando Io Leggo 1°ed, inserito nel vol. LazioCreativ02016, ha ricevuto una lettera di merito dal Presidente della Repubblica Mattarella. Tra gli obiettivi del Progetto: alfabetizzare e avvicinare alla lettura la popolazione carceraria e favorire la creazione e lo sviluppo di momenti di condivisione tra detenuto-genitore e figli. Il presente progetto Fiabe in Carcere — Alice e Pinocchio Liberanti giunto alla seconda annualità mantiene gli stessi obiettivi e si amplia e sviluppa verso la volontà di avvicinare i partecipanti al teatro d'animazione attraverso l'analisi di due capolavori della letteratura per ragazzi: Alice nel paese delle meraviglie di L. Caroll che sarà rivolto alle detenute della C.C. di Rebibbia e Le avventure di Pinocchio di C. Collodi rivolto ai detenuti della C.C. di Cassino. Il nome del progetto mantiene il termine "liberanti" inteso come participio passato del verbo liberare e quindi considerando Alice e Pinocchio come due testi che hanno la capacità di "liberare" la fantasia, di condurre in luoghi sognanti e immaginari. Ma "liberanti" può essere anche l'aggettivo che indica, nel contesto penitenziario, quei detenuti/e che stanno per essere scarcerati e dunque, se adattate al contesto, le storie di Alice e di Pinocchio che tutti noi conosciamo acquisteranno nuovo valore e significato. Questi protagonisti, portatori di numerosi significati educativi e pedagogici diventeranno lo specchio attraverso cui madri-detenute e padri-detenuti potranno guardare se stessi e raccontarsi attraverso le parole e le avventure di questi personaggi.

Nell'ambito del progetto teatrale Fiabe in carcere - Alice e Pinocchio Liberanti vincitore del Bando Officine di Teatro Sociale - Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, l’associazione MAST – Officina delle Arti presenta due importanti appuntamenti: il 6 giugno PINOCCHIO tratto da Le Avventure di Pinocchio di Collodi, per la regia di Francesca Rotolo presso il teatro della Casa Circondariale Femminile di Rebibbia. , vede protagoniste le detenute del laboratorio teatrale della C.C. di Rebibbia Femminile: Annamaria, Claudia, Cristina, Georgeta, Marilù, Vanessa.

Chi è Pinocchio? Un burattino che poi è una marionetta, un bambino, un ragazzo, ma anche una bambina. Pinocchio non ha sesso, Pinocchio lo siamo tutti. Pinocchio è la libertà, è la volontà, il desiderio, l’ingenuità, la prigione, la costrizione, l’errore, la caduta e la risalita. Pinocchio è imprigionato nel suo corpo di legno e desidera la libertà di un “bambino vero”. Si fida delle cattive compagnie e ci rimane fregato. Vive l’ingiustizia del carcere: per aver denunciato il furto delle monete d’oro finisce in prigione nel paese degli Acchiappacitrulli. Ma Pinocchio va avanti, sempre. Le esperienze negative lo fortificano, lo fanno diventare diligente e responsabile. Ha modo di pensare ai propri errori, promette a sé stesso di non sbagliare più ma poi ci ricasca e ci ricasca fino a quando tocca il fondo e lo tocca nel vero senso della parola perché da asino zoppo viene gettato in mare. Solo in quel momento, quando ormai ha perso tutto e ha perso anche se stesso, capisce i valori e la bellezza della vita. Solo in quel momento, nel ventre del pescecane, quando sembra non esserci più via d’uscita, ritrova suo padre e potrà diventare un bambino vero. Ecco, tutte queste risposte hanno risuonato nelle vite delle nostre attrici-detenute e Pinocchio e ogni personaggio delle Avventure ha trovato spazio nei loro corpi e nelle loro voci.

Pinocchio: io vorrei fare un solo mestiere! Quello di mangiare, dormire e fare dalla mattina alla sera la vita del vagabondo

Grillo: oh caro Pinocchio, tutti quelli che fanno questo mestiere finiscono quasi sempre o all’ospedale o in prigione

Nella nostra rivisitazione il testo collodiano svela significati nuovi e al tempo stesso offre la possibilità alle attrici in scena e al pubblico che parteciperà alla nostra performance finale di scoprire un nuovo Pinocchio e soprattutto qualcosa di nuovo di se stessi. Pinocchio vive in una dimensione particolare, una cultura antica e nomade così come antica e nomade è la cultura a cui appartengono alcune delle nostre attrici.

La costruzione registica: dall’ideazione scenica, ai costumi, dall’uso di diverse culture musicali e danze all’interpretazione attoriale, tendono a raccontarci un Pinocchio che si allontana dalla sua origine toscana. La musica e il teatro interagiscono compenetrandosi e valorizzandosi reciprocamente.

“Credo nel potere educativo delle fiabe – scrive la regista Francesca Rotolo - con le loro parole semplici costruiscono nuovi immaginari. Nuove parole creano nuovi pensieri e quindi nuove identità. Giocare con le fiabe ci permette di ritornare a giocare con la nostra parte bambina, di prenderci meno sul serio, di ironizzare su noi stessi, la fiaba “smonta” l’adulto che abbiamo creato pieno di schemi e sovrastrutture e ci ricorda di essere semplici. Perché portare in scena una fiaba? Perché il 99% delle detenute sono madri e questo può essere un modo nuovo per condividere con i propri figli la gioia e il divertimento del teatro”.

Il 7 giugno ALICE Nel paese delle meraviglie? scritto da Laura Jacobbi per la regia di Paola Iacobone presso la Casa Circondariale di Cassino. ALICE nel paese delle meraviglie? di Laura Jacobbi e per la regia di Paola Iacobone vede protagonisti i detenuti del laboratorio teatrale della C.C. di Cassino: Sandro Antonuccio, Salvatore Carmicino, Mario Cimmino, Pasquale Cifonelli, Antonio Donniacuo, Cristian Fraioli, Antonio Galimo, Christian Giardini, Mimmo Greco, Ballantine Halilovic, Antonio Macrì, Salvatore Mottola, Alan Molto Pavone, Gerardo Romano, Roberto Sacchetti e la partecipazione di Elisabetta Magnani

La nostra Alice è frutto di un laboratorio sul tempo e lo spazio, sui mondi che ci portiamo dentro in ogni luogo. Il nostro viaggio è partito da Caroll e dalle sue parole: con Angel, un giovanissimo detenuto, nei panni di Alice e Silvio, la voce dei nostri ultimi spettacoli, in quelli del Bianconiglio. Trasferimenti, uscite e terremoti vari hanno però sconvolto il nostro gruppo per ritrovarci a marzo con attori tutti nuovi. A tenere le fila il nostro narratore Pasquale, ormai attore navigato da 5 anni di spettacoli insieme, ma anche Elisabetta, quella assistente che piano piano si è trasformata in Alice, la nostra Alice. Abbiamo così ripreso l'adattamento della Jacobbi, giocato con animali parlanti, cantato, riso e sudato. Abbiamo trovato il nostro paese delle meraviglie in quella saletta al primo piano tra detenuti che ci offrono un caffè ed altri che ci osservano divertiti. Saremo in scena a pezzi, con frammenti di quello che è stato il nostro viaggio, per dare la possibilità anche al pubblico (di famigliari, detenuti, agenti, studenti) di "poter credere ancora che tutto è possibile, immaginare di saltare su una mattonella al centro della stanza e ritrovarsi nel cuore della terra. Spaventarsi per un’ombra disegnata sul muro e ridere quando cade la neve… Perché sarebbe bello essere così adulti ed eternamente bambini, capaci di giocare, emozionarsi, sovvertire gli schemi, perché non c’è nessuno schema, solo lo stupore e la curiosità".

Fiabe in Carcere—Alice e Pinocchio Liberanti si presenta come il naturale sviluppo di Liber Liberanti progetto vincitore del Bando Io Leggo 1°ed, inserito nel vol. LazioCreativ02016, ha ricevuto una lettera di merito dal Presidente della Repubblica Mattarella. Tra gli obiettivi del Progetto: alfabetizzare e avvicinare alla lettura la popolazione carceraria e favorire la creazione e lo sviluppo di momenti di condivisione tra detenuto-genitore e figli. Il presente progetto Fiabe in Carcere — Alice e Pinocchio Liberanti giunto alla seconda annualità mantiene gli stessi obiettivi e si amplia e sviluppa verso la volontà di avvicinare i partecipanti al teatro d'animazione attraverso l'analisi di due capolavori della letteratura per ragazzi: Alice nel paese delle meraviglie di L. Caroll che sarà rivolto alle detenute della C.C. di Rebibbia e Le avventure di Pinocchio di C. Collodi rivolto ai detenuti della C.C. di Cassino. Il nome del progetto mantiene il termine "liberanti" inteso come participio passato del verbo liberare e quindi considerando Alice e Pinocchio come due testi che hanno la capacità di "liberare" la fantasia, di condurre in luoghi sognanti e immaginari. Ma "liberanti" può essere anche l'aggettivo che indica, nel contesto penitenziario, quei detenuti/e che stanno per essere scarcerati e dunque, se adattate al contesto, le storie di Alice e di Pinocchio che tutti noi conosciamo acquisteranno nuovo valore e significato. Questi protagonisti, portatori di numerosi significati educativi e pedagogici diventeranno lo specchio attraverso cui madri-detenute e padri-detenuti potranno guardare se stessi e raccontarsi attraverso le parole e le avventure di questi personaggi.

6 giugno "Le garanzie procedurali degli arrestati. Il quadro italiano e uno sguardo europeo"

Il 6 giugno alle ore 14,00 convegno "Le garanzie procedurali degli arrestati. Il quadro italiano e uno sguardo europeo".

Il convegno è stato promosso dall'Associazione Antigone all'interno del progetto europeo "Inside police custody 2".

Negli ultimi anni, la Commissione Europea ha svolto un ruolo importante nel rafforzamento dei diritti di imputati e indagati in tutti i paesi membri.

Un'attenzione particolare è stata rivolta alla primissima fase di privazione della libertà, quella che precede il primo incontro con un giudice.

Una serie di direttive sono state emanate, altre sono in programma per un futuro prossimo venturo. Quelle già emanate hanno come oggetto il diritto alla traduzione delle persone imputate o indagate, il diritto all'informazione delle stesse, il diritto all'assistenza legale. la custodia cautelare, il mandato d'arresto europeo.

Nonostante il recepimento formale di tali direttive, molti ostacoli pratici impediscono il pieno beneficio dei diritti da esse promossi da parte di imputati e indagati. Tra questi la mancanza di un'adeguata formazione per traduttori e interpreti, una remunerazione troppo bassa e tardiva, la mancata previsione in tribunale di spazi per i colloqui riservati tra difensori e assistiti, la mancata notifica per tempo del fascicolo al difensore di una persona arrestata e processata per direttissima, la mancata traduzione della lettera dei diritti e altri.

Questi i temi che verranno affrontati con l'intervento di avvocati e magistrati e con la partecipazione del Garante Anastasìa.

Il convegno si svolgerà presso la parrocchia Santa Lucia, via Santa Lucia, 5, Roma.

6 giugno "La tutela della salute mentale dopo gli OPG: Rems, carcere, misure non detentive…"

Il 6 giugno, alle ore 10,00 presso la sede della CGIL nazionale sala S. Weil in corso d’Italia 25, a Roma, seminario verso la Conferenza nazionale Salute Mentale: La tutela della salute mentale dopo gli OPG: Rems, carcere, misure non detentive…

 

Il parere del Comitato Nazionale per la Bioetica, la sentenza della Corte Costituzionale 99/2019.

 

Interverranno: Stefano Anastasia (portavoce Garanti territoriali dei Detenuti), Valentina Calderone (A Buona Diritto), Giuseppe Cascini (componente Consiglio Superiore Magistratura), Stefano Cecconi (Osservatorio stopopg), Franco Corleone (Garante detenuti Toscana), Massimo Cozza (direttore Dipartimento Salute Mentale ASL Roma 2), Giovanna Del Giudice (Copersamm), Riccardo De Vito (Magistratura Democratica), Maria Grazia Giannichedda (Fondazione Basaglia), Patrizio Gonnella (Antigone), Michele Passione (avvocato La Società della Ragione), Giuseppina Paulillo (responsabile REMS Casale di Mezzani), Daniele Piccione (consigliere parlamentare del Senato), Gisella Trincas (Unasam), Grazia Zuffa (La Società della Ragione, componente Comitato Nazionale per la Bioetica).

 

Durante il seminario, alle ore 12,00 inaugurazione della Mostra “I VOLTI DELL’ALIENAZIONE”. disegni di Roberto Sambonet” (Archivio Sambonet)

Interverranno: Rossana Dettori segretaria nazionale CGIL, Ivan Novelli e Franco Corleone curatori della Mostra e Stefano Cecconi Osservatorio stopOPG.

 

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Locandina evento