Cassino. Lo sport entra nelle carceri con il Coni

Il 24 novembre si è svolta nel carcere di Cassino la manifestazione conclusiva del progetto "Lo sport entra nelle carceri", iniziativa legata all'accordo "CONI e Regione, compagni di sport". Per i detenuti di Cassino in particolare si sono tenuti corsi di calcio, ginnastica e scacchi.
Nel corso della giornata, che ha visto la presenza del Garante per i detenuti della Regione Lazio Stefano Anastasia, del presidente del Coni Lazio Riccardo Viola e della vice direttrice del carcere Daniela Puglia, si è giocato un torneo di calcio al quale hanno partecipato 4 squadre di 6 detenuti, terminato con una finale decisa ai calci di rigore. Il Garante Anastasia durante la premiazione ha sottolineato l'importanza di progetti come quello realizzato dal Coni e dalla Regione nelle carceri del Lazio che, oltre a regalare ore di svago e di ordinaria normalità, ha offerto ai detenuti la possibilità di confrontarsi con il rispetto delle regole in una diversa modalità. La giornata si è infine conclusa con la consegna degli attestati di partecipazione ai corsi di ginnastica e di scacchi, attività che hanno riscosso grande successo tra i detenuti.